Cassette postali condivise che sono state spostate dall'ambiente locale in Office 365 vengono automaticamente convertite al cassette postali degli utenti dopo l'esecuzione della sincronizzazione delle directory

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 2710029 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

PROBLEMA

Si presuppone una distribuzione ibrido di Microsoft Exchange Online in Microsoft Office 365 e nell'ambiente Microsoft Exchange Server locale. Quando si esegue la sincronizzazione delle directory, cassette postali condivise che sono state spostate dall'ambiente locale in Office 365 vengono convertite in modo imprevisto alle normali cassette postali. In questo caso, potrebbe essere Impossibile convertire le cassette postali alle cassette postali condivise. Se è possibile effettuare questa conversione, ripristino le cassette postali alle cassette postali condivise la prossima volta che viene eseguita la sincronizzazione delle directory.

Inoltre, quando si visualizzano le proprietà delle cassette postali condivise nel portale Office 365, è possibile che venga visualizzato il seguente messaggio di errore:
Exchange: Impossibile convertire la cassetta postale perché la cassetta postale <guid>è già di tipo 'Regular'<b00> </b00> </guid>

CAUSA

Questo problema si verifica se il valore dell'attributo msExchRemoteRecipientType non è impostato correttamente dal server ibrido locale che esegue Microsoft Exchange Server 2010. Il valore dell'attributo msExchRemoteRecipientType è impostato su 0x4. Il valore 0x4 indica che la cassetta postale è stata eseguita la migrazione. In questo scenario, la sincronizzazione delle directory viene replicato l'attributo nel cloud e Office 365 converte quindi la cassetta postale condivisa in una normale cassetta postale.

Il valore dell'attributo msExchRemoteRecipientType è impostato su 0x64. Il valore esadecimale di 0x64 è uguale a un valore decimale pari a 100. In questo scenario, la cassetta postale condivisa non viene convertita in una normale cassetta postale quando viene eseguita la sincronizzazione delle directory. Al contrario, rimane comunque una cassetta postale condivisa.

SOLUZIONE ALTERNATIVA

Per ovviare a questo problema, utilizzare Exchange Management Shell per modificare il valore dell'attributo msExchRemoteRecipientType di utenti.

Modificare il valore di msExchRemoteRecipientTypeattributefor un utente

Per eseguire questa operazione per un utente, attenersi alla seguente procedura:
  1. Esecuzione di Exchange Management Shell come amministratore.
  2. Al prompt dei comandi, digitare il comando seguente e quindi premere INVIO:
    Set-Mailbox ?identity user@contoso.com ?RemoteRecipientType ?ProvisionMailbox, ProvisionArchive?
Nota L'attributo msExchRemoteRecipientType viene impostato il flag ProvisionMailbox e ProvisionArchive il valore decimale corretto per la versione di Exchange in cui si eseguono i comandi di Exchange Management Shell.

Modificare il valore dell'attributomsExchRemoteRecipientTypeper tutti gli utenti

Per eseguire questa operazione per tutti gli utenti, attenersi alla seguente procedura:
  1. Esecuzione di Exchange Management Shell come amministratore.
  2. Al prompt dei comandi, digitare i seguenti comandi e quindi premere INVIO:
    $mbx = Get-Mailbox -ResultSize Unlimited -Filter {(RecipientTypeDetails -eq "UserMailbox") -and (RemoteRecipientType -eq "Migrated")}
    $mbx | fl Name, *recip*
    $mbx | Set-Mailbox -RemoteRecipientType "ProvisionMailbox, ProvisionArchive"
Nota L'attributo msExchRemoteRecipientType viene impostato il flag ProvisionMailbox e ProvisionArchive il valore decimale corretto per la versione di Exchange in cui si eseguono i comandi di Exchange Management Shell.

STATO

Si tratta di un problema noto. Microsoft sta attualmente esaminando il problema e pubblicherà ulteriori informazioni in questo articolo appena disponibile.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Ulteriore assistenza? Vai al Community di Office 365 sito Web o il Forum TechNet di Exchange.

Proprietà

Identificativo articolo: 2710029 - Ultima modifica: venerdì 17 ottobre 2014 - Revisione: 10.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Exchange Online
  • Microsoft Exchange Server 2010 Enterprise
  • Microsoft Exchange Server 2010 Standard
Chiavi: 
o365 o365022013 o365e o365m o365a hybrid kbbug kbmt KB2710029 KbMtit
Traduzione automatica articoli
IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l?obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 2710029
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com